Per offrirti una migliore esperienza di navigazione Cantina Rotaliana utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Glossario

ACIDITÀ:

è uno degli aspetti che vengono considerati per descrivere un vino. L'acidità, che si esprime in grammi litro, è causata dagli acidi (soprattutto malici e tartarici) contenuti nel succo d'uva e che diminuiscono con la maturazione. Dall'acidità dipendono la gradevolezza e la buona conservazione del vino. Per questo, se per via di un'estate particolarmente calda gli acidi contenuti nelle uve si riducono in modo eccessivo, in alcuni casi è necessario aumentare l'acidità del vino attraverso il processo di acidificazione.

ALCOOL:

deriva dal processo di trasformazione che, durante la fermentazione, è operato dai lieviti sullo zucchero contenuto nel mosto. Il grado alcolico di un vino è dato dalla percentuale di zucchero moltiplicata per 0,6 (da 1g di zucchero si ottengono quindi 0,6 ml di alcool) ed è espresso in valore percentuale o in gradi.

AMPELOGRAFIA:

Scienza che descrive ed identifica le diverse varietà di vite ed i modi di coltivarle.

BOUQUET:

caratteristica olfattiva assunta da un vino durante la fase di invecchiamento in barrique e in bottiglia, in cui si sviluppano i cosiddetti aromi terziari. Il bouquet di un vino può ricordare il profumo della mela, della mandorla e delle noci; inoltre può evocare profumi di origine animale. E' importante sottolineare come un vino giovane non possa avere alcun tipo di bouquet.

DECANTAZIONE:

insieme di processi diversi, come la filtrazione e la chiarificazione, volti a rendere un vino più puro e limpido.

DOC:

è acronimo di denominazione d'origine controllata ed è un marchio di origine che certifica la zona di raccolta delle uve dalle quali si ottiene un dato vino. Per fregiarsi in etichetta della dicitura DOC questo deve essere prodotto in aree regolate da specifici disciplinari di produzione. Prima di essere messo in commercio, il vino è sottoposto a rigide analisi chimico fisiche ed organolettiche che ne stabiliscono la conformità con i requisiti previsti dal disciplinare. In caso contrario il vino non può essere commercializzato fregiandosi in etichetta della menzione DOC.

ESTRATTO SECCO:

residuo che rimane dopo l'evaporazione di un campione di vino.

FERMENTAZIONE ALCOLICA:

è il processo attraverso il quale gli zuccheri contenuti nel mosto vengono trasformati in alcool etilico dall'azione dei lieviti.

FERMENTAZIONE MALOLATTICA:

durante questa fermentazione secondaria il vino diviene più malleabile grazie all'azione di alcuni batteri che trasformano l'acido malico in acido lattico.

INVECCHIAMENTO:

processo attraverso cui il vino matura in botti di rovere francese (1) ed acquisisce particolari aromi, sapori e profumi grazie al contatto con il legno. Durante il processo d'invecchiamento, l'acidità del vino diminuisce ed il prodotto si stabilizza e chiarifica ulteriormente. Per alcuni vini poi il processo di invecchiamento può proseguire in bottiglia.

MACERAZIONE CARBONICA:

particolare processo di vinificazione durante il quale le uve intere, non diraspate, vengono fatte fermentare in tini sigillati pieni di anidride carbonica. E' tipo di fermentazione usato nella produzione di vini giovani e fruttatati come il Novello di Teroldego.

RESTROGUSTO:

è il termine impiegato per descrivere i sapori, gli aromi e le sensazioni che permangono in bocca dopo aver assaggiato un vino. Se le caratteristiche descritte non si affievoliscono dopo pochi secondi, possiamo dire che il vino degustato ha un retrogusto ricco e persistente.

RIMONTAGGIO:

operazione attraverso cui il mosto è prelevato dalla parte inferiore del tino di fermentazione e versato sullo strato di bucce situate nella parte superiore del contenitore. Da questo continuo contatto con le bucce il mosto si arricchisce di colori e aromi.

TANNINO:

sostanza di fondamentale importanza ceduta al vino dalla bucce e dai raspi dell'uva. Al palato provoca una sensazione astringente ed amarognola. Aiuta poi a preservare l'integrità del vino durante la maturazione in bottiglia.

(1) La Cantina Rotaliana utilizza esclusivamente barrique di rovere francese; altre cantine possono però usare botti fatte con altre varietà di rovere